L’ospite della domenica

Ieri pomeriggio, nella calma di fine estate, è venuto a farmi visita il gattone di quartiere, un dolcissimo tigrato che da qualche anno gironzola e passa per le case che lo vogliono ospitare, ma solo per un pò.

Lui arriva dalla finestra, si guarda intorno fiducioso e calmo, se quello che vede gli piace si ferma, si avvicina, saluta con le sue fusa e si mette tranquillo. Se gli si offre cibo non lo rifiuta di certo, ma non chiede con insistenza, nè sembra affamato o assetato. Chiede ciò di cui ha bisogno e nulla di più, coccole, carezze, un luogo tranquillo dove riposarsi.

E’ stato con me l’intero pomeriggio, poi verso sera, morbido e silenzioso come era arrivato, se n’è andato continuando la sua avventura.

Perchè scrivo di questo ? Osservarlo è stato prezioso e mi ha fatto riflettere :

Si muove ed agisce senza aspettativa alcuna, ti chiede compagnia ma tu sei libero di concedergliela o meno, non si muove secondo un piano, ma ascoltando le sue necessità del momento (fresco, riposo, cibo ecc.). Agisce sempre nel presente. Chiede con naturalezza ciò di cui ha bisogno. Quando è soddifatto, con garbo ti lascia, ma ti lascia arricchito dall’esperienza della sua presenza affettuosa.

Credo abbia molto da insegnarci riguardo all’ascolto di noi stessi, allo stare in presenza di ciò che sentiamo, al chiedere spontanemente ed essere pronti a ricevere con gratitudine, e ad andare quando il tempo è finito.

Davvero un maestro, grazie piccolo amico, alla prossima

21167704_10214105532303412_8818314099632419743_o

La ricerca ossessiva della perfezione è prodotta dall’incapacità di amare.

A. Jodorowsky

20526106_504075029935036_8294633593507456921_nSerena Estate a tutti voi

 

(immagine M. Tichy)

Il libro di Aprile

Questo mese vi mostro un libro piccolo e preziosissimo….non dico molto, si può leggere anche aprendo a caso una pagina e facendo tesoro del contenuto.

Farò proprio così, ora apro e….” assumersi la responsabilità delle proprie scelte , esserne consapevoli è già un grande passo verso un percorso di crescita e di evoluzione, è come riconoscere il valore del proprio essere al di là degli aspetti più puramente terreni e della limitatezza della natura umana ”

E ancora: ” la mente stessa è ben oltre quello che credete, ne fate un uso sbagliato e marginale, solo per mentire a voi stessi e agli altri, per costruire giustificazioni delle vostre azioni sia a voi stessi sia agli altri. E’ la parte più terrena  e pratica di voi, è anch’essa importante perchè è lo strumento che utilizzate nel quotidiano per socializzare, per creare e condividere regole, non sempre tuttavia per il vostro bene “

……e molto altro…..

Buona lettura! Dimenticavo, il titolo vi irrita e vi fa storcere il naso? Bene, motivo in più per leggerlo, probabilmente va a toccare qualche parte di voi che vuole essere vista.

17834194_10212768596120843_520082224962530597_oEmanuela Casadei Giunchi

– Tutto è perfetto –   Anima edizioni

Nuovi Inizi

“Nessuna possibilità per il futuro è da scartare”

                                                                                           N. D. Walsch

Questo il mio augurio per tutti voi, con Amore

15385529_10211591130924949_3227998118865530044_o

Quiete e luce

Spesso siamo talmente assorbiti dal quotidiano intorno a noi e DENTRO di noi: la voce della mente incessante tesse trame infinite che spesso non portano a nulla se non ad un dispendio enorme di energia…..fine a se stesso. Non solo, il continuo rimuginio rischia di diventare un loop, un circolo ossessivo di pensieri, etichette, proiezioni di eventi di un ipotetico futuro, preoccupazioni, quando non vere e proprie ossessioni, per qualcosa che non sappiamo se mai accadrà.

A che serve tutto questo? A NIENTE, solo a darci l’illusione di poter controllare gli eventi della nostra vita e soprattutto tenere a bada le nostre paure. Ma è un’illusione, appunto. La vita ne sa sempre piu’ di noi. Quante volte ci siamo preparati perfettamente (lo credevamo) ad eventi che poi si sono svolti in maniera completamente diversa o che non sono accaduti affatto? Intanto ci siamo arrovellati per bene e ci siamo guastati giornate intere.

Perchè dunque non provare a cominciare ad acquietare un poco il lavorio mentale, cominciando a sperimentare anche solo 15 minuti al giorno….chi di noi non li trova. Cominciare è sempre già un  primo passo, poi si vedrà quello che emerge. Quindi semplicemente prendiamoci  15 minuti, mettiamoci in una posizione comoda, scolleghiamoci da tutto (computer, smartphone), poca luce e magari una candela accesa, occhi chiusi. Semplicemente STIAMO. Affioreranno subito i famigerati pensieri, lasciamoli passare, dolcemente allontaniamoli e concentriamoci sul respiro, lento e regolare.

Ecco. Questo per cominciare, nulla di piu’ ma nulla di meno, prendetevi 15 minuti di pausa dal pensiero. Un vero sollievo per lo spirito tanto bistrattato, e verso una nuova consapevolezza.

BUONA QUIETEflame

Iscriviti alla newsletter “Le pillole del Life Coach” :
https://tinyletter.com/steferrari66

Riposo

Un tempo lento, una diversa energia che ci accompagna e ci invita all’ascolto.

Talvolta sentire i rumori di fondo che mettiamo a tacere durante l’anno potrebbe non piacerci, ma sono lì e ora reclamano la nostra attenzione, senza scuse. Forse hanno qualcosa da dirci.

Un tempo per lasciar andare con gratitudine quello che non ci serve più e prepararci a fare spazio dentro di noi al nuovo che verrà, perchè verrà, se sappiamo accoglierlo.

Un tempo per godere della compagnia di noi stessi, prima di  quella dell’Altro.

Per sperimentare la rottura di schemi antichi che vogliono lasciarci e che forse noi tratteniamo per timore o perchè  siamo convinti che ci rappresentino.

E come fare tutto questo ? Quali stravolgimenti ?

Nessuno. Semplicemente respirate profondamente, sospendete il Giudizio.  Siate grati per ciò che arriva e per ciò che va, fiduciosi che tutto è come deve essere.

IMG_1143

Buon Riposo, dunque. Vi aspetto a settembre, ci saranno novità.

                                                       ferrariste66@gmail.com