Il bisogno di avere ragione o l’assemblea di condominio

img_qual_e_il_significato_delle_rose_blu_11153_600

 

La scorsa settimana sono andata all’annuale assemblea di condominio. Personalmente cerco sempre di delegare qualcuno di fiducia ma stavolta c’erano questioni piuttosto importanti e sono andata di persona.

E’ stato in realtà  molto interessante, un vero e proprio esperimento di osservazione e auto osservazione.

Durante l’assemblea si sono create due fazioni con opinioni opposte su come sbrigare una questione, e sembrava non essere possibile trovare un punto d’incontro. La cosa davvero interessante è stata che poco a poco il contenuto della faccenda oggetto del contendere è passato decisamente in secondo piano, quasi dimenticato.

La discussione è progressivamente scivolata su chi avesse ragione ed ha finito per trasformarsi in un crescendo di attacchi personali tra le parti, ognuna delle quali PRETENDEVA di essere nel giusto, di avere ragione appunto.  Alla fine ciò che importava non era più risolvere il problema condominiale, motivo per cui eravamo lì, ma chi si sarebbe guadagnato “l’aver ragione”. Risultato: discussioni inutili, perdita di tempo e di energie, malumore generale e nessuna delibera costruttiva, insomma abbiamo perso tempo e guadagnato malanimo.

Io mi sono sentita frustrata, ho portato a casa molto nervosismo ed una punta di amarezza. Quante volte abbiamo bisogno di avere ragione e questo offusca qualsiasi comunicazione costruttiva, non ascoltiamo più l’altro e perdiamo di vista aspetti importanti nel confronto? Quante volte discutere si trasforma nel voler ferire l’altro in ogni modo pur di portarci a casa il “trofeo” della convinzione di essere nel giusto? Che prezzo pagano le nostre relazioni in questo modo?

Siamo capaci di fare un passo indietro e valutare se possiamo gestire le emozioni di rabbia, frustrazione, disprezzo per l’altro e gestirle prima che sia tardi? O sopra tutto vogliamo avere ragione?

E cosa può diventare la nostra vita di relazione (lavoro, famiglia, partner, amici) se ogni volta vogliamo prima di tutto aver ragione ? Non parlo di argomentare e portare avanti le proprie opinioni, ma di dichiarare guerra a chi non la pensa come noi, sistematicamente.

Come sempre, a noi la scelta. E alla prossima assemblea di condominio.

 

Un abbraccio

Stefania

 

Perdere e trovare

Qualche settimana fa ho fatto un breve viaggio, quattro giorni in una città europea.

Viaggiare è più che una passione per me, oltre alla curiosità di un luogo nuovo, di qualche giorno di pausa dal quotidiano, di un tempo che lascio scorrere con un ritmo diverso, più lento e dilatato, senza orologi, il viaggio è sempre un esperimento:

come mi sento nell’uscire dalla famosa zona di comfort , quali emozioni mi attraversano di fronte a situazioni e posti nuovi, quali riflessioni arrivano, spunti, paure, insomma una specie di punto della situazione su di me, e per farlo ho bisogno di prendere le distanze da quello che faccio di solito.

Mi accorgo che ogni volta che mi perdo (e mi capita spesso perchè ho un pessimo senso dell’orientamento) trovo piccoli tesori, un quartiere nascosto, una chiesetta sconosciuta alle guide, una chiacchierata in un baretto, insomma angoli o esperienze totalmente inaspettate. Il punto è questo,  non avere paura di perdersi.

Ogni giorno di solito abbiamo tutto pianificato, se un bus tarda cinque minuti siamo già nervosi, se il collega non ci risponde come vorremmo è rabbia, se quell’impegno non va secondo le nostre aspettative ci sentiamo un disastro, facciamo mille supposiazioni sul perchè è andata com’è andata e non ne usciamo più, continuiamo a rimuginare ed immaginare scenari ipotetici che probabilmente mai diventeranno reali.

Perchè vogliamo sapere tutto quello che ci accadrà, come ci sentiremo, quali problemi e soluzioni potremmo eventualmente incontrare? E’ possibile avere sempre tutto sotto controllo? Cosa ci fa paura, COSA ABBIAMO PAURA DI PERDERE SE MOLLIAMO LA PRESA ? Probabilmente il CONOSCIUTO, che ci dà tanta sicurezza (o illusione di sicurezza) anche se ci rende ansiosi, insoddisfatti, frustrati, scontenti.

Possiamo provare a perderci ogni tanto, a lasciar andare il conosciuto per esplorare nuovi territori, modalità, abitudini, schemi mentali ? Vogliamo provare a metterci in gioco in modo nuovo rispetto a quello che ci raccontiamo ogni giorno? Sappiamo già tutto su chi siamo e cosa siamo capaci di fare, davvero?

Cosa può succedere ?

Forse che perdiamo qualcosa di vecchio, tossico e ormai inutile per noi, e troviamo nuovo nutrimento per le nostre emozioni, i nostri pensieri, le nostre relazioni tutte, ci espandiamo, evolviamo con energia rinnovata. Dietro ogni paura del nuovo possono celarsi tesori, come sempre a noi la scelta.

Perdere e trovare dunque, in armoniosa alternanza.

Un abbraccio

Stefania

luce-verde-696x392

Iscriviti alla mia newsletter mensile: https://tinyletter.com/steferrari66

 

 

La relazione più importante

Dopo aver fatto un breve sondaggio ponendo questa domanda, la grande maggioranza degli interpellati ha decretato:

– LA RELAZIONE DI COPPIA, primo posto indiscusso

– LE AMICIZIE

– IL RAPPORTO CON I FIGLI

Certo la nostra quotidianità ci mette in relazione con diverse realtà. Penso anche ai rapporti di lavoro con i colleghi e i superiori,  con la nostra famiglia di origine, per citarne alcuni altri.

In tanti anni di lavoro di ricerca su di me, di esperienze di vita relazionale personale, fino ad arrivare ai quattro anni nella professione di life coach e dunque ascoltando e lavorando con le persone che a me si rivolgono, sono arrivata alla conclusione che, per me, la relazione senza dubbio primaria in tutte le fasi della vita è la relazione con noi stessi.

Provate a pensare: noi siamo l’unica persona con cui di fatto passiamo tutta la vita, pare quasi banale ma non ci siamo mai soffermati a rifletterci, credo.

E, cosa sommamente importante, a partire dalla relazione che abbiamo con noi stessi modelliamo poi tutte le altre: con partners, genitori, figli, colleghi ecc. Ci rapportiamo con ogni relazione nel modo in cui abbiamo imparato a stare con noi stessi. Porteremo quindi nelle relazioni i nostri schemi appresi  dai genitori, a scuola, dal contesto culturale e sociale nel quale viviamo. L’iimagine interiore che abbiamo di noi si rifletterà nelle relazioni che avremo.

Portiamo quindi nella reazione con l’Altro anche i nostri blocchi, le nostre credenze limitanti, ovvero quelle etichette che ci siamo dati o che altri ci hanno affibbiato e che crediamo davvero nostre o diamo per scontate. Insomma, in ogni relazione riflettiamo noi stessi nell’altro, capite quindi l’importanza della qualità della relazione che abbiamo con noi? Ce la portiamo ovunque, sempre.

Quando le cose si complicano o vanno proprio male con gli altri tendiamo naturalmente, automaticamente a difenderci incolpando o criticando l’altro, ma forse vale la pena di fermarci un attimo, fare un passo indietro e porci qualche domanda:

– cosa non ha funzionato/non funziona ?  E’ qualcosa che mi è già capitato ?  Di cosa incolpo l’altra persona, cosa mi turba oltremodo?  E’ qualcosa che riconosco essermi familiare?  Come mi fa sentire quella persona, quale emozione spiacevole mi attiva?

Questo è già un buon inizio di indagine, potreste scoprire molto presto di aver proiettato sull’altro questioni vostre….. e da qui parte poi, se ne avete voglia, il lavoro su di voi.

Per mia personale esperienza ne vale davvero la pena. Avere una buona relazione con noi stessi è la chiave per avere tutte buone relazioni, qualunque esse siano.

 

Un abbraccio

Stefania  437c8301dc39be7e710fe5213f74f90a(immagine Mattotti)

                               Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

Il libro di novembre

Sempre più spesso mi accade, quando mi trovo a leggere un libro di rara potenza, di non riuscire a commentare in alcun modo. Come se ogni commento togliesse potenza ai contenuti della lettura.

Così, nel consigliare vivamente  questo volumetto, vi lascio alcune citazioni. Aggiungo solo che è davvero una lettura adatta a questo momento dell’anno, in cui siamo più inclini all’ascolto di noi stessi, più raccolti, più rivolti all’interno. Momento ideale per lavorare su di noi.

Le storie che ci raccontiamo diventano abitudini. Le abitudini diventano sedimenti e addensano energia nella misura in cui diamo loro attenzione e continuità. Le abitudini alle quali rispondiamo sempre nella stessa maniera, identificandoci con esse e reagendo in modo automatico, finiscono per darci l’illusione di continuità e danno corpo alla certezza che abbiamo una personalità immutabile, che “siamo fatti così”, il più pericoloso di tutti gli incantesimi.

Contrariamente a quanto molti sembrano credere, noi non siamo nessuna delle nostre abitudini ed il carattere non è affatto il nostro destino, quanto piuttosto una serie di abitudini e credenze, un cumulo di programmi automatici.

Imparando a vivere senza più fare affidamento sulle storie mentali che ti racconti, imparerai a sentire totalmente te stesso ed il momento presente i tutta la sua intensità.

45182194_10217588171887225_329441356155977728_o

 

Andrea Panatta – Istruzioni per maghi erranti – ed. Spazio Interiore

Buona lettura, un abbraccio

                                                                              Stefania

                            Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

 

 

Vuoi DAVVERO cambiare?

Tutti noi più o meno spesso ci siamo trovati davanti al desiderio o alla necessità di cambiare qualcosa della nostra vita. Si va dal cambiare casa, lavoro, dal riflettere su cambiamenti da mettere in atto in una relazione con il partner, la famiglia, gli amici, i colleghi, la famigerata dieta e via così, tanti sono gli aspetti  che talvolta vorremmo rivoluzionare. Magari non ne possiamo proprio più.

Ma accade, e qui arriva il bello, che quando ci troviamo di fronte all’opportunità di attuare questo cambiamento, ecco la paralisi e i seguenti tentativi di normalizzazione: no, dai, dopotutto non va così male, ci sono aspetti positivi, magari non adesso, aspetto ancora e chissà, forse mi lamento troppo, dopo magari è anche peggio ecc. ecc. Conoscete questa storia, vero?

Quando mi capita di dire ad un cliente che spesso abbiamo paura di stare meglio ed essere più felici, mi  guarda come fossi una pazza, ma in un certo senso è proprio quello che accade.

Quello che ci spaventa e poi ci blocca è il “salto nel buio” caratteristico del cambio di abitudine o schema. Pensiamo che si, potremmo stare meglio, ma poichè non ne siamo sicuri, ci fermiamo e facciamo un bel passo indietro verso la vecchia situazione che è quella che non tolleriamo più, vero, ma la conosciamo e ci fa quindi sentire sicuri.

In definitiva barattiamo la possibilità di cambiare per star meglio ed essere più in sintonia con noi stessi, con la sicurezza ed il falso senso di protezione che il già conosciuto ci garantisce. Che prezzo paghiamo per questo? Beh, fate voi.

Spesso vengono da me persone in forte difficoltà con il loro presente, che mi chiedono di cambiare ma senza cambiare, e questo non è fattibile, mai.

Aggiungo che se ci illudiamo che cambiando qualcosa solo al di fuori di noi cambierà tutto il resto, anche qui, ahimè, non funzionerà. Se continuiamo ad avere problemi sul posto di lavoro e continuiamo a cambiare lavoro per ritrovarci dopo un po’ nella stessa situazione, forse dobbiamo guardare dentro di noi, non solo fuori. Il reale e duraturo cambiamento parte da lì, che ci piaccia o meno.

Dunque:

  •  Insito in ogni cambiamento c’è necessariamente il lasciar andare il controllo, il nuovo non possiamo conoscerlo, punto.
  • Possiamo (e ci conviene) lavorare su di  noi per imparare a fidarci ed affidarci al cambiamento, senza temere ciò che è nuovo e quindi sconosciuto.
  • Teniamo sempre presente che se cambiamo noi interiormente, solo allora anche l’esterno si modifica, altrimenti è una finta e durerà poco.

Ascoltiamo e rispettiamo i nostri tempi, ogni cambiamento richiede ascolto, pazienza, fiducia. Ma dobbiamo cominciare.

Un abbraccio

Stefania

water

 

Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

 

Il libro di ottobre

Fino a non molto tempo fa avevo l’abitudine un po’ presuntuosa di non considerare a priori quei libri che ritenevo avessero titoli banali, scontati, troppo semplicistici  (secondo quale criterio poi, mah). Beh, chissà quanto mi sono persa per questa scellerata chiusura! Fortunatamente per me ho poi cambiato direzione, cerco di non etichettare mai nulla per principio e tutto è più leggero, ampio, funziona meglio.

Il libro che vi mostro questo mese tempo fa non l’avrei nemmeno guardato, e cosa mi sarei persa: un piccolo volume pieno di spunti preziosi sul complesso tema delle dipendenze, degli attaccamenti, non solo quelli affettivi, il tema trattato è più ampio e accoglie più aspetti della questione.  Un attaccamneto che diventa dipendenza è una delle fonti di maggior sofferenza nelle nostre vite, lo sperimento molto spesso con i miei clienti. Pensare di non riuscire più a vivere senza qualcuno/qualcosa è uno schema pericoloso su cui la mente lavora incessantemente, complicando di molto quello che altrimenti sarebbe un evento doloroso da elaborare e lasciar andare.

Gli eventi dolorosi accadono e tutti noi li sperimentiamo nella vita, ma la resistenza e l’attaccamento che opponiamo alla naturale risoluzione di tali eventi si trasforma in un inesorabile veleno, in una sorda ed infinita sofferenza che ci allontana dall’energia della Vita e dalle nostre potenzialità.

Se avvertite che tutto questo possa riguardarvi, questo libro fa per voi.

43623060_10217420387892730_667239855381544960_o

Un abbraccio, buona lettura

 

                                  Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

Il libro di agosto

 

 

Divenire amati è passare,

 

                                                 Sperimentando quiete e silenzio

                                                    Buona lettura, serena estate

“La vita comincia ogni giorno – lettere di saggezza e commozione”

Rainer Maria Rilke

rilke