Un libro per il Qui ed Ora

91060601_10221862990035007_5400018087263076352_o

 

In un momento complicato in cui più di sempre c’è un continuo parlare, parlare, fare, consigliare, proporre, il mio invito è ora più che mai, ad osservare in silenzio il silenzio e ciò che fa emergere in noi.

Oltre il blablabla possiamo trovare tesori di consapevolezza prima ignorati.

Questo è un libro di preziosa semplicità, laddove spesso tutto viene complicato ed appesantito, soprattutto in tema di crescita personale. Una lettura per ritrovare una semplice ed immediata saggezza, serenità nel caos, e strumenti facili e di ampia visione per recuperare armonia, equilibrio, pace.

Strumenti “pret a porter” da utilizzare subito, adesso.

Cito alcuni dei temi trattati:

NON è vero che:

La felicità si raggiunge eliminando le imperfezioni.

Sei frutto del tuo passato.

Bisogna sempre cercare di capire.

Devi cercare di migliorarti.

I problemi si risolvono solo affrontandoli.

L’ansia è il nostro peggior nemico.

Lasciatevi guidare dall’esperienza illuminata del dott. Morelli.

Buona lettura!

Breve corso di felicità – Raffaele Morelli – ed. Mondadori

 

Prenota un incontro gratuito online

 

Quei momenti no

81x8I6iiYJL._SX466_

 

Alzi la mano chi non si sente mai scoraggiato, frustrato, esausto… ecco, appunto, nessuno.

  Ho creato un piccolo prontuario di Pronto Soccorso per i momenti NO e lo condivido qui. Si tratta di un insieme di piccole pratiche utili a regolarci emotivamente nei momenti difficili e confusi, in modo da ritrovare velocemente le risorse più utili e costruttive per gestire l’emergenza al meglio che possiamo, ricordando sempre di essere gentili con noi stessi.

S.O.S momenti NO

 

Un abbraccio

Stefania

 

Pausa

cropped-limitless.jpg

Pausa… devo prendermi una pausa, ho bisogno di una pausa…

Siamo soliti pensare alla pausa soprattutto nel periodo estivo. Certo il caldo rende tutto più lento e talvolta faticoso, le energie sono al risparmio e abbiamo un anno alle spalle, spesso caotico, stressante, ci troviamo ad inseguire una velocità che non è la nostra, ma ci siamo mai chiesti qual’è la NOSTRA velocità ?

Ci siamo mai chiesti se è proprio l’estate il momento in cui sentiamo di avere bisogno di fermarci, o è qualcosa che crediamo di scegliere ma in realtà facciamo ormai in modalità automatica, perchè “si fa così” ? Mi capita non di rado di parlare con persone che vedono anche le agognate ferie come qualcosa di stressante, faticoso e troppo impegnativo, un dovere insomma…. ha senso ?

Possiamo pensare alla pausa in modo diverso, un momento che può durare anche 10 minuti, che ci concediamo in qualunque momento ed in qualunque luogo e situazione, quando ne avvertiamo il bisogno. Oppure scegliamo uno o più momenti nella giornata,  in cui ci fermiamo un poco: ci sediamo, chiudiamo gli occhi, respiriamo  profondamente e ASCOLTIAMO.

Ascoltiamo quello che succede dentro di noi: come stiamo? Siamo tesi, rigidi, rilassati e tranquilli, arrabbiati o preoccupati ed ansiosi, annoiati, insofferenti, gioiosi e grati….

SCEGLIAMO di prenderci una pausa quando ci serve, non quando ce lo dicono le convenzioni. Potremmo scoprire che in estate non ci va di fare nessun viaggio chissà dove, faticare per dire a noi stessi che abbiamo fatto vacanza, quando invece magari ci siamo sfiniti di attività, fare, fare.

Insomma, la pausa possiamo trovarla dentro di noi ogni volta che ne abbiamo bisogno, o scegliere di fermarci quando lo decidiamo noi. In modo da trovare  un nostro tempo, un nostro luogo interiore di vacanza, una nostra personale pausa.

Un abbraccio

Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

 

Il libro di marzo

Lo so, marzo è quasi finito ma questo mese sono stata piuttosto indecisa su quale libro scegliere, ebbene ecco qui. Marzo, nuova energia, più luce, un buon momento per raccogliersi ed ascoltare quello che c’è e se funziona nella nostra vita.

Quando desideriamo cambiare qualcosa per sentirci meglio da dove cominciare?

Dall’ascolto, dall’accorgerci di come stiamo VERAMENTE, come sta il nostro corpo, quante azioni compiamo in automatico, quante idee, pregiudizi, opinioni, giudizi schematizzati, cristallizzati in noi continuiamo a sostenere solo perchè lo abbiamo sempre fatto, senza nemmeno chiederci se li riteniamo ancora vicini a chi siamo…. ecco, ma chi siamo davvero?

Questo famoso libro è un pilastro solido da cui partire se vi state facendo tutte queste domande, se dentro di voi una vocina dice che così non va più…. se solo cominciassimo a sentire in quante inutili prigioni mentali ci chiudiamo spontaneamente!

Primo passo: ASCOLTARE QUELLO CHE C’E’, non fuggirlo, non reagire.

“Osservandoci, scopriamo che funzioniamo quasi sempre  con il pilota automatico, senza renderci conto di quello che stiamo facendo o vivendo. Come se gran parte del tempo non fossimo a casa, cioè in noi”

“L’inconsapevolezza domina la nostra mente la maggior parte del tempo e perciò influisce su tutto ciò che facciamo”

Buona lettura, bentornata Primavera!

Vivere momento per momento_Esec.indd

 

                     Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66

I pilastri del Cambiamento (piccolo manuale del cambiare prospettiva)

5. Lascia andare il controllo sull’Altro, non è possibile controllare tutto, è estenuante e non produttivo. Allenta la presa con fiducia, tutto intorno a te comincerà a cambiare.

23004463_10214610594009639_8209364124895946582_o

 

Iscriviti alla newsletter “Le pillole del Life Coach” :

https://tinyletter.com/steferrari66

I pilastri del Cambiamento (piccolo manuale del cambiare prospettiva)

4. Ascolta sempre, sempre il tuo corpo, lì risiede una saggezza profonda. Il corpo ti dice sempre cosa è bene per te, e cosa ti danneggia. Il corpo ti fornisce indicazioni su cosa è bene modificare nella tua vita per essere in armonia con te stesso.

22291540_10214449866831560_5834476614400307867_o

 

Iscriviti alla newsletter: https://tinyletter.com/steferrari66